I sistemi elettorali in Italia

Il sistema elettorale organizza seggi e votazioni e stabilisce le regole all’interno di una precisa forma di governo: la democrazia. Tuttavia, nel senso comune si tende ad utilizzare questa espressione in un’accezione molto più ampia, inglobando in essa tutte le norme e le regole che hanno a che fare con le elezioni e, quindi, con il sistema di voto.
Struttura del sistema elettorale

Il sistema elettorale è costituito da due fattori essenziali che riguardano le modalità attraverso le quali si svolge il voto e i luoghi stessi dove si vota, cioè i seggi. Questi due elementi costituiscono quella che – tecnicamente – si chiama formula elettorale. Questa formula si divide in due enormi gruppi: il sistema maggioritario e il sistema proposizionale. La formula di tipo maggioritario è una delle prime introdotte a livello istituzionale e premia i singoli candidati o i partiti a cui essi fanno capo. La formula proposizionale, invece, risale all’800 e serve a stabilire un rapporto di proporzione tra i voti ottenuti da un partito e i vari seggi dove si vota per quel partito.

Il sistema elettorale in Italia

Non è semplicissimo spiegare che tipo di sistema elettorale ci sia in Italia. In linea di massima il sistema è di tipo proposizionale, ma ci sono delle eccezioni. Per le elezioni che si svolgono nei comuni in cui ci sono meno di quindicimila persone e per le elezioni delle circoscrizioni, al candidato che vince spettano molti seggi (quasi il 70%). Per quanto riguarda le elezioni che si svolgono a livello provinciale e nei comuni più grandi, i partiti e le liste di cui fanno parte i sindaci o i presidenti hanno diritto a più della metà dei seggi presenti sul territorio e, in questo caso, il sistema di votazione è di tipo proposizionale.

Questo sistema di voto è molto simile anche durante le elezioni politiche, per le quali tuttavia i cittadini non possono esprimere la loro preferenza per qualche candidato. Il sistema di votazione più complesso in Italia è sicuramente quello legato alle regioni. In questo caso, infatti, il sistema di voto è metà proposizionale e per metà maggioritario. Infine ci sono le regioni autonome che, come tali, stabiliscono da sole il sistema elettorale che ritengono più opportuno somministrare ai loro cittadini.

vendita porte palermo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *