Quali attività aprire in un momento di crisi

La situazione economica non è delle migliori purtroppo per l’Italia: la disoccupazione cresce e molte imprese chiudono. Quali attività aprire in un momento di crisi? In molti si chiedono se conviene ancora mettersi in proprio e con quale formula provarci. Certo, i presupposti non sono dei migliori: il potere d’acquisto delle famiglie è in calo, la tassazione è alle stelle e i colossi della grande distribuzione sono ovunque.

Una risposta generica per tutto non c’è. Una delle formule più usate è quella del franchising che in tanti casi permette di acquisire un know how consolidato ad un costo relativamente basso. Sono diverse le aziende che operano sul mercato: distributori automatici e ristorazione sembrano essere le attività che tirano di più.

Poi c’è la tecnologia, che è in crescita negli ultimi anni e di conseguenza necessità di attività nuove che offrono servizi. Internet sotto questo punto di vista aiuta non poco: spesso si può lavorare anche da casa o comunque si può iniziare con un investimento limitato, alimentando magari quello che prima era solo un piacevole hobby. Mettersi in proprio è molto difficile e aprire attività in un momento di crisi lo è ancora di più: un po’ di inventiva e tanta buona volontà, però, possono ancora fare la differenza.

Per maggiori informazioni sulle idee di business si consiglia di visitare il sito web www.affarimiei.biz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *